Cerca su Latina 
Clicca qui...
Acquisire clienti Acquisire clienti
 
VisibilitÓ su LatinaExplorer
Ufficio stampa online
Web promotion
Nuovi servizi: Click-O-Matic
Il motore in multiproprietà
Web marketing fai-da-te
Raggiungi 35000 aziende
Nuovi servizi: Web Promoter
Informazioni ai professionisti
Cerca il cliente insieme a noi
Arriva il marketing innovativo!
Fidelizza il tuo visitatore
Individuare potenziali clienti
Aumenta la tua visibilità
Professionisti
Migliorare il tuo sito Migliorare il tuo sito
Suggerimenti sul web
Cattura il tuo visitatore!
Idee per il vostro sito
7 regole per fare affari
Quanto costa un sito?
Da chi farvi fare il sito?
Evitare gli errori nel web
Le Offerte di LatinaExplorer
Usability
Restyling siti web
UtilitÓ webmarketing UtilitÓ
Lavorare sul Web? Job Creation!
Check-up del tuo sito
Iscriviti alla Newsletter
Telefonare via Internet
Come scrivere un'email
Fare un banner vincente
Scegliere un consulente
Guida alle scadenze on line
Motori di ricerca Motori di ricerca
Per chi inizia a navigare
Visibilità sui motori di ricerca
Essere nelle prime posizioni
Indicizzare pagine dinamiche
Verifica il tuo posizionamento
Trucchi per i motori di ricerca
I motori di ricerca per le aziende
E-commerce E-commerce
Per chi è agli inizi
10 regole per vendere
Affari con i marketplace
Parlano i numeri
Firma digitale
clicca per scoprire le nostre offerte
Motori > Consulta anche
 
Il webwriting Conquistare la fiducia del cliente
Posizionarsi conviene? Inserirsi sui motori di ricerca
Motori > Link e informazioni utili
 
Motori per le imprese I principali motori di ricerca italiani
Motori di ricerca fieristici I principali motori di ricerca internazionali
Motori di ricerca giuridici Motori di ricerca per professionisti
TRUCCHI PER MOTORI DI RICERCA
Motori di ricerca:
ottenere le prime posizioni!
Avete un sito in internet? Se figura all’ottantesimo posto del risultato di ricerca è quasi non averlo. Come scalare la vetta degli indici? Ecco sette trucchi, armi efficaci per vincere la guerra di posizione

Provate a cercare la parola ‘negozio’ su Virgilio. Avrete per risultato 50 pagine web, ciascuna contenente una decina di siti. Che differenza c’è tra il primo sito e l’ultimo? Che il primo sarà visitato mentre il cinquecentesimo probabilmente no. E’ accertato infatti che più della metà degli utenti di internet consulta sola la prima pagina dei risultati di ricerca. Come noi vanno di fretta e nessuno si mette a guardarle tutte. E’ dunque vitale per un sito trovarsi almeno tra i primi 10 posti. Esistono dei modi per avanzare di posizione ed aumentare così la possibilità di farvi conoscere. Siete sicuri che il vostro sito sia fatto in modo da tenerne conto? Se volete verificarlo eccovi sette trucchi per essere tra i primi posti degli indici.
Il criterio da seguire in fondo è uno solo: assecondare il funzionamento dei motori. Questi utilizzano dei programmi (gli spider o robot) che si muovono tra i links delle pagine dandogli un voto e assegnandogli un posto nel loro database secondo il loro contenuto. Più l’informazione è utile alla ricerca più il punteggio e quindi la posizione saranno elevati. Ma quando un’informazione è utile? Quando è pertinente alla richiesta.
Il primo trucco allora consiste nell’essere pertinenti, cioè nell’uso intelligente delle parole chiave. E’ fondamentale per l’immediatezza della ricerca che esse compaiano nella prima pagina del sito e nel titolo e che siano facilmente pensabili da chi naviga. Non generiche né fuorvianti, né eccessivamente specifiche. Chi per esempio ha un sito di un negozio di scarpe artigianali farà meglio a non intitolare la prima pagina: "artigianato" perché è una categoria troppo ampia che può raccogliere un’infinità di siti: ceramica, impagliature…. Vi imboscherete in una foresta di documenti. Come per un libro: è più facile cercare un’informazione particolare in un volume di mille pagine o in un libercolo di venticinque? "Creazioni ai piedi" sarebbe oltremodo fuorviante: a quanti naviganti verrebbe in mente? Meglio è certamente calzature, scarpe…scarpe artigianali.
Secondo trucco. E’ importante che la parola chiave compaia anche nel resto del testo e non solo nel titolo e nella home page. Infatti lo spider seleziona anche le altre pagine di un sito perché i contenuti accontentino effettivamente l’utente. Non bisogna però esagerare altrimenti le pagine verranno scartate dallo stesso spider, che si tutela dall’inganno di testi artificialmente disseminati di parole chiave, nascoste per creare l’illusione di un’alta densità di contenuto.
Avete mai sentito parlare delle "pagine gateway" o pagine d’ ingresso? Esse rappresentano il nostro terzo trucco, una vera e propria astuzia perché sono complete di chiavi e testo e congegnate in modo tale da essere una sintesi pregna di significato e quindi facilmente intuibile dagli spiders. Una sorta di piccola brochure elettronica dove il rapporto contenuto-spazio è a vantaggio del contenuto. Attraverso i links rimandano poi all’intero sito.
Quarto trucco. Le pagine dinamiche, come ad esempio quelle legate a un database attraverso una casella di ricerca, sono in genere trascurate dallo spider. Riconoscendole dal punto interrogativo presente davanti all’indirizzo, non ne segue tutti i links, perché ritiene che siano infiniti. Per essere inserite negli indici di un motore è necessario convertire il loro contenuto in pagine statiche.
Questo accade anche per i siti che presentano una password o una registrazione per accedervi. Il motore, infatti non può compilare le caselle di registrazione, e scarta il sito passando al successivo.
Il quinto trucco sta semplicemente nel rendere facoltativa la registrazione al sito.
Se il vostro sito si connette lentamente, lo spider dopo un po’ lo abbandona e lo stesso accade per i siti organizzati secondo uno schema gerarchico di pagine. Quindi vi conviene, e siamo giunti al sesto trucco, inserire i contenuti più importanti nei livelli superiori, quelli dove per primo accede lo spider.
Settimo trucco. Questi robot sono ciechi, non sono in grado di vedere le immagini, ma solo di leggerle (in linguaggio html). Quindi perché prendano in considerazione un’immagine è utile inserire la parola "alt" seguita da una descrizione del contenuto della figura.
Non tutti i motori comunque classificano le pagine in base al loro contenuto: alcuni per esempio le indicizzano secondo il numero dei clic dei navigatori: i siti più popolari in alto, quelli meno cliccati in basso. Qui entrano in gioco questioni di gusto, di facilità d’uso e di mercato. Potete avere un sito bellissimo, d’una grafica seducente, facile, veloce e anche pieno di contenuti, ma se questi contenuti sono fuori dall’interesse di chi naviga, che farvene?
Altri motori invece permettono di ottenere le prime posizioni a pagamento. E’ il caso di GoTo, Godado, e attualmente anche Yahoo.
La questione più che difficile è complessa, bisogna tener presente una gran quantità di fattori. Nessuno darà un colpo di bacchetta magica al vostro sito, ma una spinta in alto potete dargliela voi, utilizzando questi ed altri escamotage.

Per finire, se volete sapere qual è la parola chiave del vostro sito seguite questo semplicissimo procedimento: visualizzata la home page, con il pulsante destro del mouse aprite la finestra di selezione, cliccate su HTML e guardate alla voce: meta name="keywords". Lì di seguito a questo linguaggio "da spider" troverete elencate le vostre parole chiave.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti

Copyrightę2002 Tutti i contenuti, anche parziali, presenti su www.latinaexplorer.it non possono essere riprodotti senza autorizzazione.